Jill Cooper

FITNESS MAGAZINE HA INCONTRATO JILL COOPER, ambasciatrice dello sport, del fitness e del benessere psico-fisico in Italia

Carta d’identità

Jill CooperNome: Jill Cooper (Coalsport.com)
Data di nascita: 21 agosto 1968
Luogo di nascita: Wichita (USA)
Curriculum: ambasciatrice dello sport, del fitness e del benessere psico-fisico in Italia. Jill Cooper è una famosissima personal trainer e insegnante di fitness, ma anche produttrice musicale, conduttrice televisiva, stilista e curatrice di diverse rubriche e DVD su sport e fitness (oltre 500.000 DVD venduti con Donna Moderna). Allieva della Tisch School of the Arts presso la New York University, ha studiato al Circle in the Square e si è laureata in International Business, a Roma, nell’American University of Rome. La sua carriera televisiva conta Mediaset (Costanzo Show, 5 edizioni di Grande Fratello, Pomeriggio 5) e la conduzione di diverse televendite dedicate allo sport e al fitness con Home Shopping Europe e Mediashopping. Jill Cooper si è occupata di “tenere in forma” molti personaggi famosi e, insieme ad Alessandro Carbone, ha creato il marchio d’abbigliamento sportivo Coal Sport. Coalsport.com è un portale interattivo dedicato alla diffusione di informazioni utili, al movimento e alle sane abitudini di vita per migliorarne la qualità.

La giornata-tipo di un personal trainer del tuo calibro, dalla colazione alla notte…

Sveglia alle 6.30. Prima lezione alle 7 con i rebounder.Prima colazione: verdure e proteine, mangio come se fosse la cena. Integratori: anti-ossidanti e adaptogeni. Pranzo: corsa e pranzo leggero. Negli intermezzi: seguire le mie rubriche, le e-mail, progettare nuovi allenamenti per i miei DVD, lavorare sul mio portale www.coalsport.com, controllare la mia società. Cena: sempre leggera, tranne…uno strappo settimanale!

Quali sono, secondo te, i punti chiave di una preparazione ottimale per sentirsi meglio?

Il corpo non è fatto solo di carne, ma anche di spirito, pensieri e sensazioni. È fondamentale unire e dedicarsi a questi “4 corpi” per trovare un equilibrio giornaliero.

Qual è il tuo personale concetto di benessere?

Cercare l’equilibrio e l’ottimismo nonostante tutto. Il concetto è questo: mi alleno per mangiare e mangio per allenarmi. Il benessere per me significa salute interiore e non perfezione esteriore. Un po’ di sana ironia rende tutti più belli!

Quanto conta l’alimentazione nella tua attività?

Man mano che si cresce l’alimentazione diventa una chiave centrale per avere l’energia necessaria per una performance di alta qualità e una continua fonte di carburante. Dopo “una certa età” non puoi abusare del tuo corpo attraverso l’alimentazione senza pagarne le conseguenze.

Quali sono i falsi miti più comuni da cui si deve difendere chi vuole allenarsi seriamente in sala?

Che la palestra è un luogo di incontro. Io non parlo con nessuno quando mi alleno, né voglio che i miei clienti perdano tempo con le chiacchiere. Se ci si allena con intensità 40 minuti in sala pesi è più che sufficiente.

In palestra, la parola d’ordine è….

Impegno, altrimenti inutile entrare!

Ma come si allena un personal trainer come te?

Pesi. Corsa. Tappeto Elastico. Yoga.

Qual è un esercizio irrinunciabile, per il tuo fisico?

Ormai è il tappeto elastico. Se faccio solo il mio “classico” allenamento di corsa e pesi l’ago sulla bilancia si alza di un paio di chili. Quando salto con costanza perdo 2-3 chili entro un mese. Stentavo a crederci anch’io, all’inizio!

Chi sono i tuoi miti sportivi?

Gli olimpionici, e in particolare chiunque gareggia con le proprie forze fisiche. Sono folgorata dalla loro dedizione, nonostante spesso non ne traggano un ritorno economico, e l’eleganza del loro totale controllo corporeo. Il movimento umano fine a sé stesso per me è sinonimo di potenza, grazia e libertà.

REBOUNDING

Una novità scovata in un attrezzo vintage.

Jill Cooper

Molti trainer, me inclusa, all’ inizio, non danno tanta importanza al tappeto elastico perché come tipologia di attrezzo esiste già da 30 anni. Quando provo a condividere le mie scoperte con i personal trainer in sala, spesso sento dire “Sì, sì, certo. Lo conosco già.” Forse conoscono l’antenato del mio rebounder modificato, ma non sanno cosa ho scoperto negli ultimi 3 anni di studio, di uso costante, di ricerca. Che sia chiaro: non ho mai visto un attrezzo ginnico cambiare e plasmare un corpo umano tanto radicalmente e in così poco tempo.
Tutto ebbe inizio con la mia ricerca per curare gli inestetismi della cellulite. Stavo scrivendo un libro riguardante tale soggetto. Il mio percorso da personal trainer era il seguente: pedana vibrante, panca per inversione, presso terapia. Ma mancava un perno importante: un lavoro aerobico che sollecitasse il riflesso plantare sull’ asse verticale per stimolare il ritorno linfatico. Sono andata in un noto negozio di sport e ho acquistato un normalissimo rebounder di dimensioni classiche, che sembrava più un giocattolo che un attrezzo ginnico. I miei clienti ne erano entusiasti, era la parte del mio percorso “sconfiggi cellulite” che preferivano. Si divertivano proprio (e già questo è un plus per tenere un cliente stimolato e coinvolto nell’allenamento!).
L’unico mio problema era che saltare sul quell’ attrezzo era quasi come saltare per terra. Il tappeto era troppo poco elastico per produrre l’accelerazione che mi serviva. Sapevo che dovevo modificare l’attrezzo per ottenere un ritorno specifico per le mie esigenze tecniche. In Italia non ho trovato quello che mi serviva, allora ho deciso di produrlo da sola. Il risultato è diventato un tappeto di dimensioni maggiori del rebound già in vendita, con molle performanti e con un tappeto fatto con un tessuto brevettato.
Sono stata contattata dall’Australia per i miei DVD di allenamento e il distributore ha addirittura confermato di aver bisogno di ordinare il mio nuovo tappeto con le mie modifiche per avere il massimo dall’allenamento da me creato. Il mio primo metodo di allenamento per il tappeto era basato sulle Interval training, semplicemente perché è il modo più veloce per stimolare la replicazione dei mitocondri e per aumentare il livello generale di fitness di un individuo. Dopodiché ho portato il tappeto nelle sale fitness. E lì ho cominciato a capire esattamente quanto è funzionale l’acceleration training ottenuto con un tappeto elastico.

Puntualmente a distanza di 1-2 mesi trovavo i miei master trainer più tonici, come se qualcuno avesse infilato una cannuccia nella loro bocca e avesse risucchiato con tutta la forza. I corpi iper-condizionati di trainer che potevano fare anche fino a 5-6 lezioni al giorno di ogni genere: ma con l’aggiunta del tappeto elastico si sono letteralmente trasformati. Non era solo un lavoro a intervalli che poteva creare questi miglioramenti. Ci doveva essere qualcosa di più: il mio tappeto modificato.

Ho trovato un tesoro nascosto, oltre ogni immaginazione. Dovevo capirne il perché. La seconda legge di Newton parla di forza: forza = massa per accelerazione, cioè F = M x A. Questo significa che si può applicare una forza condizionante a un corpo attraverso un peso o resistenza, o altrimenti grazie alla forza di accelerazione. Quando si salta su di un tappeto elastico, le tre forze di accelerazione, decelerazione e gravità si allineano su un asse verticale e si sommano creando uno stimolo di iper-gravità che costringe il corpo a migliorare su tutti i fronti, perché tutto quello che facciamo per migliorare un corpo umano utilizza lo stimolo dei gravi-ricettori. L’acceleration training creato con un tappeto elastico allena contemporaneamente tutti i sistemi e i tessuti del corpo: muscolo, scheletro, tessuto connettivo, sistema cardiovascolare, linfatico e altri. Sono 3 anni che studio il tappeto elastico e posso dichiarare con fierezza “finalmente una novità nel campo del fitness!”

Se vuoi provare una lezione di tonificazione pura con il tappeto, ti aspetto a Rimini con una lezione di Total Body.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Related Posts

Sellfit-RiminiWellness-jill-cooper
04/30/2013

Salta con Sellfit e Jill Cooper!

Sellfit sceglie RiminiWellness 2013 per la presentazione del suo rinnovato catalogo. Con due aree allestite e una serie di ospiti di rilievo, l’azienda vuole offrire la possibilità non solo di vedere attrezzature e soluzioni ideate e distribuite in Italia e all’estero, ma soprattutto di vivere un’esperienza coinvolgente e carica di tutta l’energia, la competenza e [...]

Leggi tutto
Pininfarina_runner_Platinum
04/29/2013

PANATTA SPORT PRESENTA LE LINEE CARDIOFITNESS PININFARINA E IL FUNCTIONAL INSIDE

Lo stand Panatta Sport si caratterizza per un layout che pone al centro del palcoscenico le eccellenze di un’azienda leader internazionale nella produzione di attrezzature per palestre e centri fitness: la linea cardiofitness Pininfarina e il Functional Inside. Panatta Sport consolida la sua natura di impresa innovatrice, forte di oltre 200 brevetti. Generazioni di atleti [...]

Leggi tutto
Password: